1991 Opel Lotus Omega

Marca
Opel
Modello
Lotus Omega
Cilindrata
3615
Cilindri
6
Anno
1991
Contachilometri
93000
Carrozzeria
Berlina
Colore Esterno
British Racing Green
Colore Interni
Nero
Cambio
Manuale 6 rapporti
Codice
RDS00402

€ 85.000

Telaio nr. SCC000019M1150044
Potenza 277kW (377 CV) a 5200 giri/min
Motore Sovralimentato da 2 Turbine Garrett Intercooler
Velocità max 283 Km/h
Cambio 6 rapporti + RM
Trazione Posteriore (RWD)
Condizione Restauro conservativo
Documenti regolari (immatricolata in Italia il 24/05/2018)

Una delle 20 importate in Italia
Libretto tagliandi
Matching Numbers & Matching Color

La Opel Omega Lotus deriva dalla berlina Opel Omega e rappresenta la sua versione sportiva di punta.
È stata realizzata in collaborazione tra Lotus, che all'epoca era di proprietà di General Motors, e Opel, che ancora oggi potrebbe dire la sua fra le quattro porte ad alte prestazioni.
Nel 1990 la Lotus si occupò di trasformare la pacifica Omega (nella fattispecie la 3000 24V) in un vero mostro con grandi prestazioni velocistiche che, vent’anni fa, erano paragonabili solo a quelle di Supercar con la S maiuscola.
L’intervento della Casa inglese era stato piuttosto consistente: assetto ribassato e irrigidito, con modifiche strutturali al retrotreno (due puntoni aggiuntivi al multilink) per garantire maggior stabilità.

Impianto frenante a dischi autoventilati sulle quattro ruote e pneumatici posteriori con passaruota specifici per consentire l’installazione dei 265/40 ZR 17 al posteriore.
Grazie ai 377 cavalli e i 59 kgm di coppia del 6 cilindri in linea, la Lotus Omega era la berlina più veloce al mondo nel suo primo periodo di commercializzazione, capace di toccare i 283 km/h.
Per raggiungere queste performance la Lotus portò la cilindrata da 3 a 3.6 litri, con due turbine Garrett T25 con intercooler aria/acqua e rinforzi strutturali e per scaricare a terra tutta questa mostruosa potenza, fece ricorso a un cambio meccanico ZF simile a quello montato sulla Corvette ZR1, con differenziale autobloccante.
Il tutto con un confort elevato e un prezzo accessibile: 115 milioni di lire per possedere un’auto straordinaria.
Ne furono prodotte un migliaio, di cui un paio di centinaia con il nome di Vauxhall Carlton Lotus, la versione inglese. In Italia ne arrivarono appena 20 e tutte di color verde scuro Lotus.

Tuttavia, la guidabilità di questo “mostro” non era affatto male, con un assetto tendenzialmente sottosterzante (per ragioni di sicurezza), ma anche se ci si voleva divertire con sovrasterzi di potenza l’Omega non si faceva certo pregare.

- Eccellenti condizioni di carrozzeria e di meccanica.
- Una delle 20 Omega Lotus importate in Italia (tutte di colore Imperial Green Lotus).
- Carrozzeria, recentemente restaurata, in ottimo stato.
- Interni ben conservati con rari segni di usura.
- I pannelli delle portiere e il ponte centrale hanno inserti in radica
- Nuova la moquette sul pavimento dell’auto.
- Strumentazione originale della Casa, tutta perfettamente funzionante.
- Vano motore curatissimo, dimostrato delle maniacali attenzioni che il precedente proprietario di questa vettura ha sempre dedicato alla manutenzione e alla messa a punto dell’auto.

La prova su strada di questa Opel Omega Lotus, resta un’esperienza da raccontare ai posteri, grazie alla straordinaria potenza del 6 cilindri biturbo: pronto già al regime minimo, più corposo e consistente oltre i 2000 giri, semplicemente esplosivo oltre i 4000, quando si avverte un ulteriore strappo.
Quest’auto oggi rappresenta un investimento di pura passione per una vettura che negli anni ’90 ha rappresentato una vera “mangia Supercar”.

È possibile visionare l’auto, prenotando una chiamata on line con nostro operatore commerciale, a mezzo piattaforme Skype, Zoom, Whatsapp e Google Meet.