1991 LAMBORGHINI DIABLO 5.7

Marca
Lamborghini
Modello
Diablo
Cilindrata
5703
Cilindri
12
Anno
1991
Km Percorsi
34428
Carrozzeria
Coupé
Colore Esterno
Blu Metallizzato
Colore Interni
Beige Chiaro
Cambio
Manuale 5 Marce
Codice
RDS00097
Prezzo
€ 220.000
Descrizione

*Telaio n. ZA9DEO7A0MLA12166
*Tipo motore: posteriore centrale V-12 da 492 CV 5.729 cc
*Colore esterno: Blu Metallizzato
*Colore interno: Beige chiaro
*Potenza massima: 361 kW (492 CV) a 6800 giri/min.
*Cambio: Manuale a 5 velocità.
*Data e luogo di prima immatricolazione: 22/05/1991 - Belgio
*Data e luogo di ultima immatricolazione: 23/01/2003 – Villena Spagna - Targa 8929 CFF
*Omologazione: REM2301032592 – Direzione Generale del Traffico – Madrid

La storia
La Diablo può essere considerata senza tema di smentita, la supercar per eccellenza degli anni novanta.
Presentata nel 1990, divenne subito l’auto più iconica ed evocativa di quel periodo. I suoi poster e i modellini da collezione adornavano camerette, officine, studi e showroom, facendo sognare intere generazioni di appassionati cresciuti negli anni '90.
Il 1991 (l’anno della nostra auto) rappresentò per la Lamborghini un importante anno di transizione, sia per l’uscita di produzione della ormai datata Countach, sia per l’arrivo sul mercato della nuova e cattivissima Diablo, anche se, ad onor del vero, nel gennaio del 1990 aveva già avuto il suo prestigioso battesimo a Montecarlo, in un epico Lamborghini Day riservato alla Stampa internazionale.
L’auto piacque subito, per la linea, d’accordo, ma anche e soprattutto per la sua scheda tecnica, che alla voce “potenza” recitava un tranquillizzante 492 CV a 6800 giri/min. basato sul V12 originale disegnato da Giotto Bizzarrini.
Alla voce “velocità massima” si leggeva uno sbalorditivo 325 Km/h, la velocità più alta fino ad allora registrata per una autovettura di serie.
La trazione è ovviamente posteriore, con il motore in posizione centrale longitudinale.
Lamborghini realizza in proprio per la Diablo, un avanzato sistema di iniezione elettronica, rimpiazzando i carburatori doppio corpo Weber montati sulle Countach.
La Diablo, non è un modello in edizione limitata, ma un'auto di serie con interni rifiniti lussuosamente che riflettono l'intenzione dei suoi progettisti di produrre una Gran Turismo adatta alle strade della città, come alla pista.
Elementi distintivi della Diablo prima serie sono gli specchietti retrovisori non verniciati, l’assenza di prese d'aria sul paraurti anteriore ed il cruscotto di grandi dimensioni.
A fronte di un prezzo esorbitante di 350 milioni di lire, le prime Diablo presentano una dotazione molto spartana: radio con cassette, finestrini e sedili regolabili manualmente, ABS non disponibile Inizialmente.
Gli optional invece comprendono il climatizzatore, la radio con CD, il sedile per il guidatore su misura, l'alettone posteriore, un set di valigie (proposte a circa 3,7 milioni di lire) e addirittura un prezioso orologio Breguet.
Marcello Gandini che l’aveva disegnata, una volta ebbe a dichiarare “Nessuno mai potrà scambiare la Diablo per qualcosa di diverso da una Lamborghini”.
Niente di più vero.

La nostra Lamborghini Diablo
Questa Diablo si presenta in condizioni splendide, con un abbinamento di colori esterno/interni, estremamente sofisticato e ricercato.
L’auto, prodotta secondo le specifiche europee, lasciò la fabbrica di Sant'Agata nel maggio 1991, per essere consegnata nuova in Belgio ed immatricolata il 22 maggio dello stesso anno.
Questa Diablo è rimasta in Belgio fino al giugno del 1999, data in cui fu immatricolata dal nuovo proprietario a Vega Baja nella Regione di Alicante in Spagna.
Successivamente nel 2015, è stata acquistata da una cittadina spagnola e portata in Italia dove è rimasta fino ai giorni nostri.
L’auto è stata recentemente riverniciata da una carrozzeria specializzata di Modena e la sua vernice appare oggi compatta e scintillante in ogni dettaglio.
Le due portiere “Lambo Door” ad apertura verticale, si sollevano progressivamente e in modo fluido fino al fine corsa e rappresentano il segno distintivo delle supersportive V12 più iconiche mai realizzate.
Gli interni appaiono luminosi e ricercati. Calandosi nell’abitacolo si ha l’impressione di essere avvolti da un bozzolo color panna. Spiccano le finiture estremamente raffinate della selleria in pelle, patinata dal tempo.
Il cruscotto, ben conservato è di grandi dimensioni e posto in posizione più rialzata rispetto al driver, caratteristica tipica della Diablo.
Sollevando l’immenso cofano posteriore, sotto il quale è allocato il poderoso 12 cilindri, colpisce la pulizia dei componenti. La visione delle bancate contrapposte è pura goduria per qualsiasi fan della Casa di Sant’Agata.
Anche alla prova dei fatti la nostra Diablo non delude. Il V12 si avvia all’istante e gira pieno, come ci si aspetta da una Lamborghini, il suo rombo è pura musica per le orecchie, un’orchestra di 12 elementi pronti a scatenare sull’asfalto tutta la loro potenza.
I cerchi in lega in vernice nera, si presentano in condizioni ottimali e con pneumatici nuovi.
In conclusione, nulla è stato tralasciato dalla proprietaria di questa splendida Diablo per mantenerla alle condizioni ottimali in cui si trova oggi… 30 anni e non sentirli! Auguri Diablo!


Oggi è possibile visionare l’auto on line, prenotando una chiamata con un nostro operatore commerciale, a mezzo piattaforme Skype, Zoom, Whatsapp e Google Meet.

Salva questa app sul tuo smartphone per accedere comodamente al sito.

Installa la web App: premi e poi