Ruote Da Sogno fa breccia al Verona Legend Cars

11 maggio 2018

Si è conclusa la quarta edizione del Verona Legend Cars tenutasi dal 4 al 6 maggio presso Verona Fiere. Bellezza, coinvolgimento ed energia sportiva, costituiscono la vocazione dell’imperdibile evento che anche quest’anno ha visto l’affluenza di migliaia di visitatori accorsi ad ammirare i 1350 modelli di auto e moto d’epoca provenienti da tutto il mondo e pronte per essere messe su strada.

Tra gli espositori Ruote Da Sogno non è passata inosservata esibendo una selezione di 18 incredibili vetture e moto d’epoca dalle supercar come la Ferrari Dino 246 GT del’72 o la Porsche Speedster 1500 del ‘55 o la Maserati 4200 del ‘68 alle auto a prezzi più accessibili.


Sono bastati pochi giorni per fare breccia nel cuore degli appassionati di auto e moto vintage e permettere di chiudere la fiera con un esito incredibilmente positivo per numero di visitatori allo stand e numero di auto vendute, ottenuti grazie all’elevato standard qualitativo dei mezzi di Ruote Da Sogno e la dedizione dei suoi collaboratori nel trasmettere energia ed entusiasmo per questa grande passione che non passa mai di moda.


Grande soddisfazione anche da parte del presidente di Ruote Da Sogno,  Stefano Aleotti: “Durante la tre giorni di Verona Legend Cars abbiamo registrato un notevole riscontro da parte del pubblico e dei collezionisti. A conferma che la qualità fa sempre la differenza. Ad aggiudicarsi una nuova vita le due splendide vetture tedesche. Una BMW Z8 e una Porsche Speedster1006 (1956) – quest’ultima ha conquistato il cuore di un ex pilota di Formula 1 – e due esemplari che rappresentano il più autentico Made in Italy. Un’ Alfa Romeo GT 1750 del ’68 e l’elegantissima Maserati 3500 GTi del 1962, carrozzeria Superleggera, punta di diamante del nostro stand a Verona. Un nuovo proprietario anche per la Kawasaki 900 Z1 Testa Nera”.


Maggiori informazioni?
Contattaci
Le nostre migliori vendite
Scopri

Salva questa app sul tuo smartphone per accedere comodamente al sito.

Installa la web App: premi e poi