Rassegna Stampa Padova 2020

25 gennaio 2021

CORSEDIMOTO.com
22 ottobre 2020

36°AutoMoto d’Epoca: Ruote da Sogno, da non perdere la CBR RR del SIC.
A Padova nel week end sono in mostra auto e moto d'epoca. Ruote da Sogno ha portato pezzi pregiatissimi, ecco quanto costano.

Ruote da Sogno

Per l’edizione 2020 di AutoMoto d’Epoca abbiamo scelto alcuni pezzi rappresentativi del nostro show room” spiega Moris Pelizzoni, responsabile dell’area moto. “In soli 4 anni siamo diventati l’operatore leader in Europa in questo settore grazie alla qualità della nostra proposta e continuiamo a credere nelle moto d’epoca anche in questo momento non semplice. Qui a Padova abbiamo portato tra le altre una Bimota Tesi del 1991, la MV Agusta 750cc America, una bellissima Vespa 98cc del 1947 e diverse moto giapponesi degli anni Settanta che sono sempre molto apprezzate. Nella moto come nell’auto è un momento dove è possibile fare ottimi affari perché il mercato ha una grande offerta e si trovano pezzi molto belli a prezzi “giusti””.

La Honda del SIC

Tra le lussuosissime Supercar del padiglione 15 in molti si soffermano ad ammirare la Honda 1000 CBR RR del team Gresini Racing utilizzata da Marco Simoncelli per dei test nel 2011, poi nel 2012 da Michele Pirro a Vallelunga e per finire da Scott Redding nel 2014 a Jerez de la Frontera. Perfetta in ogni suo particolare viene proposta a soli 48.000 euro a dimostrazione di quanto si sia calmierato il mercato. Molto più costosa la MV Agusta 750cc America del 1976 che raggiunge i 96.000 euro, mentre per una Vespa del 1947 1° serie servono 59.000.

QN QUOTIDIANO NAZIONALE
23 ottobre 2020

AutoMoto d’Epoca al via, è l’anno delle Youngtimer 

INAUGURATA alla Fiera di Padova la 37ima edizione di AutoMoto d’Epoca, la rassegna più importante per il settore che rimarrà aperto fino alle 18:00 di domenica 25 ottobre. Nonostante la difficile annata sono 1.600 gli espositori presenti che propongono circa 5.000 vetture e diverse moto di tutte le annate. Dopo una crescita esponenziale che ha visto il comparto crescere del 111% in soli 5 anni con oltre 4 milioni di veicoli d’epoca circolanti nella sola italia. La rassegna di Padova è importante per conoscere quali saranno le tendenze per il futuro. Protagonista al padiglione 15 e nell’area esterna 14 il famoso atelier motoristico Ruote da Sogno intende dare un forte segnale al mercato delle Classiche puntando sulle Youngtimer (auto costruite prevalentemente negli anni ’80 e 90’) e sulla Supercar come le due fantastiche Lamborghini Diablo in condizioni da concorso che vengono esposte, mentre c’è grande interesse per la riproposizione della ASA 1000cc GT Coupè della “la Ferrarina” perché nata da una idea di Enzo Ferrari, progettata da Bizzarrini, Chiti e Giugiaro ma realizzata da un piccolo costruttore milanese. Questa auto oggi viene venduta a 160.000 euro.

GAZZETTA.it
27 ottobre 2020

Auto e Moto d’Epoca Padova: D46 di Nuvolari o Porsche 917 quante meraviglie

YOUNGTIMER E SUPERCAR 
Auto e Moto d’Epoca non è solo una passerella di capolavori a quattro ruote irraggiungibili, ma è soprattutto il punto d’incontro di compratori e collezionisti con un mercato sempre in fermento, fra dealer specializzati e privati. “Stiamo assistendo a un ricambio generazionale in questo settore - spiega Patrizio Zaccarelli, direttore generale di Ruote da Sogno - con un crescente interesse nei confronti delle youngtimer, vetture dagli anni Ottanta in poi che non necessitano di un grande esborso di denaro, o delle supercar più recenti come le due Lamborghini Diablo esposte qui al Salone. Strategicamente, dunque, abbiamo abbandonato le vetture anteguerra, a meno che non si tratti di pezzi unici”. “Noi ci siamo concentrati invece sulle macchine da corsa, da rally e superturismo - spiega Simone Bertolero di Autoclassic Italy - perché con la chiusura, i blocchi e le limitazioni all’uso dell’auto d’epoca, rimarranno quelle da poter utilizzare maggiormente all’interno di eventi, concorsi d’eleganza e gare in pista”.

RUOTECLASSICHE
23 ottobre 2020

Padova Auto e Moto d’Epoca 2020: chi sale e chi scende.
Nonostante il periodo non sia dei migliori, di auto presenti in vendita a Padova ce ne sono comunque parecchie.
E con prezzi anche interessanti, a testimonianza del fatto che l’evento patavino, anche se in edizione leggermente ridotta, è sempre un punto di riferimento strategico per il settore.

Ci sono però alcuni modelli “latitanti”, che sembrano essere spariti dal mercato, e ci si chiede la ragione. In realtà, negli ultimi cinque anni l’ascesa, in termini di quotazione, di alcuni di questi è stata importante, fin quasi a raggiungere il “collasso”. Sembra essere questa la ragione più plausibile, per cui a Padova certe auto, importanti e non, sembrano rimaste al palo, non presenti, in attesa di capire l’evoluzione del mercato. Per contro, altre auto ora sono tornate prepotentemente alla ribalta, almeno stando all’offerta proposta qui a Padova. Vediamo chi sale e chi scende.

Dino 246 GT. Solo un esemplare presente a Padova, peraltro molto bello, visibile nello stand di Ruote da Sogno. Disegnata da Leonardo Fioravanti per Pininfarina su ispirazione di Aldo Brovarone, per tanti anni è stata oggetto di una clamorosa ascesa, con valori che oggi sono vicino ai 300 mila euro, con punte anche di 350 mila. Che per molti operatori del settore sono giudicati troppi, anche in considerazione del fatto che sono state ben 2400 le 246 GT costruite, cui vanno aggiunte 1200 in allestimento GTS. Chi le ha comprate negli ultimi anni a una certa cifra, vuole rivenderle e guadagnarci, ma ai più sembra che la quotazione sia oramai “arrivata”. E le altre Dino in vendita dove sono? Nel garage, in attesa di tempi migliori.

Alfa Romeo 1900 Sprint. Tre esemplari in vendita a Padova, rispettivamente una splendida prima serie restaurata ad alti livelli da G. & T. Auto, una seconda serie barnfind da Max Righini e una Super Sprint presso lo stand di Ruote da Sogno, venduta il primo giorno della fiera. I prezzi non spaventano i potenziali acquirenti, ma sono gli esemplari che iniziano a scarseggiare, con un’inversione di tendenza rispetto al recente passato: ora chi ha una “millenove” sportiva se la tiene stretta, forse pensando anche a una futura quotazione alle stelle.

CORRIERE DELLA SERA
27 ottobre 2020

Auto e moto d’epoca, a Padova bilancio positivo nonostante il Covid.
Chiusa con buona affluenza di pubblico la 37esima edizione della kermesse.

E se all’appello sono mancati i grandi commercianti internazionali, impossibilitati a raggiungere l’Italia, tutti i più importanti dealer italiani hanno confermato la loro presenza: «era importante esserci- spiega Simone Bertolero di Auto Classic- nonostante fosse inevitabile una flessione delle vendite». Al padiglione 15, che ha riunito alcuni dei più importanti dealer nazionali, sono passate di mano vetture italiane-Alfa Romeo e Lamborghini – e tedesche, con Porsche e Mercedes in testa all’indice di gradimento dei collezionisti, e un evidente ricambio generazionale nelle trattative. «Il mercato sta attraversando un periodo di trasformazioni epocali- racconta Patrizio Zaccarelli, Direttore Marketing di Ruote da Sogno - e le richieste sono rivolte a modelli sempre più recenti, le cosiddette youngtimers dagli anni settanta in poi, o le supercar degli anni novanta.”Sotto il profilo commerciale -continua Zaccarelli- Auto e Moto d’Epoca si conferma comunque, anche in questo momento difficile, il palcoscenico italiano più importante e quello di maggior profitto per le vendite, soprattutto nel segmento top» .

Salva questa app sul tuo smartphone per accedere comodamente al sito.

Installa la web App: premi e poi