Maserati 3500 GTI Sebring

05 dicembre 2019

Se il nome “Sebring” non vi ricorda nulla, probabilmente il contenuto di questo articolo suonerà per voi come nuova scoperta.

La “Maserati 3500 GTI S” venne presentata al Salone dell’Automobile di Ginevra nel 1962 e derivata direttamente dalla 3500GT Spider, ma con un telaio più raccolto. Per tutti fu la “Maserati Sebring”.

La sigla “S” infatti, fu adottata per celebrare i successi di qualche anno prima, conseguiti sul tracciato americano di Sebring in Florida, quando Juan Manuel Fangio in coppia con Jean Behra, portarono al trionfo le Maserati 450S in versione da competizione. Il disegno della vettura è frutto del talento italiano Giovanni Michelotti che ne disegno le accattivanti linee per la carrozzeria Vignale.

Fu prodotta in soli 348 esemplari. Il motore è un poderoso 6 cilindri ad iniezione da 3485 cc) che genera 235 Cv a 5500 giri al minuto, spingendo la Sebring fino ai 235 km/h, velocità pazzesca per l’epoca. Il comfort di guida in una coupé così veloce, era assicurato dai lussuosi interni e dalla prestigiosa selleria in pelle che accoglievano gli occupanti, come in un confortevole salotto borghese. Per gli standard dell’epoca, la Maserati Sebring (prima serie) fu la coupè più veloce e più elegante del decennio, con optional di lusso, come l’impianto di condizionamento, il cambio automatico e i cerchi Borrani su richiesta.

Questa Maserati Sebring prima serie, ha recentemente ultimato un profondo restauro e si presenta in condizioni di concorso, conservando inalterate le specifiche originali dell’epoca. Il ripristino del motore alla versione originale, è stato affidato al noto meccanico modenese Tralli, considerato dai collezionisti Maserati una vera autorità in materia.

Salva questa app sul tuo smartphone per accedere comodamente al sito.

Installa la web App: premi e poi