un capolavoro di meccanica e design

28 novembre 2019

La BMW 327/28 rappresentò il top di gamma nel listino della casa bavarese nel 1938: nell’Aprile di quell’anno infatti nacque per soddisfare la richiesta della clientela di un motore più performante. 

Prodotta in soli 569 esemplari come l’evoluzione della già esistente 327, è una BMW “M” ante litteram.

Gli ingegneri BMW dotarono l’elegante automobile del più potente propulsore derivato dalla 328, spinta da un 6 cilindri frutto delle ricerche in ambito motoristico che era in grado di erogare 80 Cv, permettendo alla 327/28 di raggiungere i 145Km/h di velocità massima!

Questo gioiello è un’ottima sintesi tra le doti di una gran turismo aperta e una vettura sportiva: un vero capolavoro di meccanica e design.

In quegli anni divenne uno status symbol tra i fedeli del Terzo Reich, personaggi di spicco della politica e devoti del partito socialista.

Ancora oggi questa automobile è un investimento sicuro per vuole unire la piacevolezza della guida ad una futura rivalutazione: tra gli appassionati del marchio, la 327/28 viene considerata come una delle più belle convertibili del suo tempo.

Questo esemplare di BMW 327/28 Cabriolet del 1938 è stato sapientemente restaurato, conservando l’originalità dei suoi componenti, visibile presso lo showroom di Ruote da Sogno a Reggio Emilia.



Salva questa app sul tuo smartphone per accedere comodamente al sito.

Installa la web App: premi e poi